L’Associazione

associazione

Cosa sono l’Associazione ed il Progetto?
Un programma per la diffusione di un’esperienza straordinaria e la raccolta di fondi.
Il motto dell’Associazione riassume l’esperienza di Simone che ha combattuto una forma tumorale, l’osteosarcoma, per venti anni, senza riserve, lasciandoci un enorme patrimonio umano ed un’esperienza di vita che non possiamo non scegliere di condividere. L’Associazione Simone Tetti – Life is not breathing but doing promuove il progetto volto a trasmettere un’esperienza fuori dal comune a coloro che sono stati coinvolti in una vicenda legata alle neoplasie, per motivarli a trovare tutta l’energia per vivere al meglio ogni giorno, con la certezza che questo possa aiutare a contrastare la malattia, oltre alla ricerca di fondi per lo studio dell’osteosarcoma.

Cosa è l’Osteosarcoma?
Un tumore maligno delle ossa che colpisce soprattutto bambini e ragazzi.
L’osteosarcoma è il tumore maligno primitivo più frequente dello scheletro, spesso ad alto grado di malignità, che colpisce in massima parte i bambini e i ragazzi dell’età adolescenziale. Il progetto è finalizzato a raccogliere fondi da destinare alla ricerca, in particolare del Laboratorio di Anatomia Patologica del Policlinico Umberto I di Roma.

Cosa promuove l’Associazione?
Eventi culturali per il sostegno alla ricerca e ai pazienti.
L’Associazione promuove eventi sociali a carattere artistico con lo scopo di raccogliere fondi per la ricerca sull’osteosarcoma e favorendo il sostegno a coloro che sono gravati dalla malattia, mediante la diffusione di un’esperienza di particolare valore umano. La prima iniziativa dell’Associazione Simone Tetti – Life is not breathing but doing prevede la realizzazione del progetto World! attraverso la creazione del sito web e l’organizzazione di cinque eventi fotografici a Roma e nel mondo.

Da chi è costituita l‘Associazione?
Da ognuno che voglia condividerne i fini.
L’Associazione è aperta a tutti coloro che vogliano appoggiare la ricerca medica e affiancargli lo strumento della divulgazione, per sostenere chi è colpito dalla patologia e coloro che ne sono coinvolti in seconda battuta a supportare ogni interesse che possa rendere sotto forma di spinta vitale i tanti sforzi profusi nella battaglia contro la malattia. La condivisione di ogni episodio, sconfitta, abbattimento e vittoria ha alimentato in noi la convinzione che il primo strumento contro l’infermità sia fare di ogni giorno, un giorno di ‘Vita’.